«Sbatti&TheCity»: i 5 vantaggi dell'essere single da non sottovalutare - Il Milanese Imbruttito

«Sbatti&TheCity»: i 5 vantaggi dell’essere single da non sottovalutare

Sbatti & the city: qando siete le uniche single

Superati i trent’anni (ma a volte anche i venticinque, dipende un po’ dal livello di ansia che avete), la maggior parte delle donne va letteralmente in sbatti all’idea di rimanere single a vita.

Le amiche continuano a fidanzarsi, lasciarsi e rifidanzarsi in un giro di Swatch, voi, in quel giro di Swatch, non riuscite nemmeno a far durare una frequentazione. Le vostre uscite con un uomo sono simili ad una vacanza estiva: durano due settimane se va bene, tre se va alla grande. E’ un attimo e vi ritrovate ad essere le uniche single del gruppo: mentre le amiche provano nuovi ristoranti con i fidanzati, voi ci provate con il cameriere del bar sotto casa. Le altre si sparano il cinema di coppia la domenica, voi vi sparate latte e biscotti sul divano per non spararvi un colpo in testa.

Il rischio di panico è direttamente proporzionale all’odio che provate per quella sciacquetta di Anastasia Steele che sta con Mr. Grey, perchè voi, di Grey, avete solo il gatto e l’umore, e siete spesso perseguitate da domande esistenziali sul vostro status di single («forse devo smetterla di uscire con quelli del Capricorno?»).

Prima di scolarvi un altro bicchiere di vino, sappiate che non tutto è perduto.

Punto numero uno: non necessariamente avere un uomo al proprio fianco significa essere più felici. Anzi. Sarà scontato come le stagioni, ma tant’è. Pensate alla vostra amica che sta con uno stro**o colossale pur di non rimanere sola, o alla vostra collega che si è scelta un budino Danette a forma di uomo dopo l’ultima batosta. Ok, ognuno fa le proprie scelte, ma voi adottatene altre (possibilmente più furbe). Soprattutto perchè non avere un bagaglio a mano (alias, un uomo) al seguito offre diversi vantaggi, utili per sopravvivere ma, soprattutto, utili da ricordare:

1_La libertà

Sbatti & the city: quando siete le uniche single

Morbida come un piumino di Herno, scintillante come un Tiffany, voi possedete il dono più prezioso al mondo: la libertà. Svegliatevi, non aspettate l’ennesima amica fidanzata che ha – sì e no – un’ora la domenica da dedicarvi. A vedere quel nuovo negozio di scarpe potete benissimo andarci da sole, all’ora che preferite; non è mai morto nessuno. Pianificate viaggi e weekend, attività molto più utile del pianificare serate di depressione davanti alla tv. Raggiungete l’amica che non vedete da un pezzo e che vive a Roma, o la coppia di compagni dell’università che dall’Erasmus è rimasta a vivere in Spagna.

Sù de dòss, muovetevi! E suscitate (ebbene sì) un po’ di invidia tra le vostre amiche fidanzate. Voi potete decidere all’ultimo. Vi pare poco?

2_Poter uscire con gruppi diversi

Sbatti & the city: Quando siete le uniche single

Essere single sigifica, in primo luogo, non essere legate a nessuno, nel bene e nel male. Soprattutto, il sabato sera. Quindi, levatevi quello sguardo da Bambi affranto e approfittatene. Scegliete in totale libertà dove, quando e con chi fare serata. Avete una miriade di alternative tra cui scegliere, basta solo saperle cogliere. Guardate oltre la vostra chat di WhatsApp, chiamate amici che non sentite da un pezzo senza farvi troppi problemi. Mettete il piede (possibilmente non in sneakers) fuori di casa.

Dall’aperitivo con la coppia di amici alla cena con il vostro migliore amico che vive a Singapore – e che ha radunato trenta persone – la città è nelle vostre mani fresche di manicure. Le occasioni per conoscere nuova gente, anche.

3_Sfruttare le app di dating

Sbatti & the city: quando siete le uniche single
Credit immagine

Siamo nell’era delle relazioni 2.0, per cui abituatevi all’idea di provare almeno un’app di dating. «Va beh ma così mi sembra di essere veramente alle cozze». Le cozze sorridono e ringraziano, e nel frattempo escono più di voi. Tra Tinder, Happn e Once, la fauna maschile presente è tanto varia quanto imprevedibile. Chattate con chi vi incuriosisce, cassate chi non azzecca i congiuntivi e, perché no, se uno v’ispira particolarmente, bevetevi una roba insieme. Non crediate di trovare solo degli sfigatoni, anzi. Le sfigate potreste essere voi a non averle utilizzate prima.

4_Gli amici maschi

Sbatti & The city: quando siete le uniche single

Li diamo per scontati come i saldi di fine stagione, ma dovremmo valorizzarli molto di più: sono i nostri amici maschi. Uscire con loro (anche) quando siamo single, e quando non dobbiamo rendere conto a nessuno, ci permette di comprendere meglio la loro ironia, senza offenderci ogni due per tre. Se tra amiche, infatti, ci sono molti più convenevoli (alias, più smaronamenti), tra amici si è sempre più diretti, nel bene e nel male. «Ogni giorno ti vesti sempre più da vecchia», semaforo rosso. «Uè figa che gnocca con questi tacchi!», semaforo verde.

Preparatevi a parlare (o meglio, a sentir parlare) anche di nerdate tipo Star Wars o la Play. Capirete che cosa veramente gli uomini cercano (anche in una donna). Tradotto: conoscerete il vostro nemico.

5_La cura per voi stesse

Non datelo per scontato, mai. Quante volte vi è capitato di rivedere dopo parecchio tempo una vostra amica fidanzata, e non riconoscerla più? Senza trucco e senza inganno, senza tacchi e senza pietà. Essere single vi permette di conquistare ogni giorno voi stesse, prima ancora di un uomo. Sembra una frase da Bacio Perugina? Fate come vi pare, ma l’alternativa è diventare, oltre che depresse, pure cesse. Manicure, palestra, rossetto e profumo fanno la differenza, nel medio ma soprattutto nel lungo termine. Oltre che rendervi estremamente sexy.

E poi, per quanto vi sembrerà assurdo, il momento di fidanzarsi arriverà. E sì, tra calzini lasciati in giro e oche che ci proveranno col vostro tipo – e a cui vorrete dare fuoco – arriveranno anche i momenti di sbattimento. Godetevi questi attimi che non tornano più, perchè nulla è per sempre. Nemmeno la singletudine!

Television GIF - Find & Share on GIPHY

Valeria Di Terlizzi
Valeria Di Terlizzi

Nasco come Vale, poi divento LaVale. Rido troppo per essere radical, parlo troppo per essere snob. Imbruttita senza saperlo.

POTREBBERO PIACERTI ANCHE