La Milano più bella è quella che non t'aspetti: il Quadrilatero del Silenzio, capolavoro del Liberty - Il Milanese Imbruttito

La Milano più bella è quella che non t’aspetti: il Quadrilatero del Silenzio, capolavoro del Liberty

C’era una volta una Milano nascosta, e avvolta dal silenzio. Conquistò Parini e Manzoni, affascinò Beccaria e Stendhal. È una Milano che esiste ancora, incastonata tra corso Venezia e corso Monforte – a pochi passi da San Babila – e racchiusa in quel crogiolo di vie note come il Quadrilatero del Silenzio, al riparo dai rumori del traffico e dal brusio cittadino. Meno celebre del Quadrilatero della Moda – e non è detto sia un male – questo angolo di pace conserva la massima espressione del Liberty milanese.

Qui il tempo sembra fermarsi, per lasciare spazio agli echi delle nobili famiglie milanesi e alle storie di scrittori e artisti che vi risiedevano, come il pittore Carlo Carrà ed il poeta Filippo Marinetti.

Uno degli ingressi simbolici di questa oasi è l’arco del Palazzo della Società Buonarroti-Carpaccio-Giotto che si affaccia su Corso Venezia. Attraversatelo guardando in alto: i suoi motivi déco vi accompagneranno in un luogo quasi surreale.

Quadrilatero del Silenzio
Credit immagine

In pochi passi vi troverete in piazzetta Eleonora Duse, un piccolo gioiello circondato da eleganti palazzine liberty e roseti bianchi: un accoppiamento suggestivo che illumina le vie circostanti.

Poco oltre, all’angolo fra via Vivaio e via Cappuccini, Palazzo Berri Meregalli vi stupirà con le sue decorazioni e le sue statue a metà tra il neogotico e il Liberty. Una chicca per i più curiosi? La Vittoria Alata dello scultore milanese Adolfo Wildt, che è possibile scorgere se ci si affaccia nell’androne del palazzo.

Quadrilatero del Silenzio: Casa Meregalli
Credit immagine

Proseguite per via Cappuccini e ammirate Villa Invernizzi. Con il suo meraviglioso giardino che profuma di magia, la Villa racchiude un gioiello dalle tonalità pesca: i fenicotteri rosa. Scorgerli dal cancello è un tuffo nel colore, e una gara all’ultimo scatto.

Quadrilatero del Silenzio: fenicotteri rosa
Credit immagine

Il vostro viaggio nel Quadrilatero del Silenzio continuerà con Casa Sola-Brusca, un palazzo in via Serbelloni 10, conosciuto dai milanesi anche come Ca ‘de l’Oreggia, casa dell’orecchio. Che effettivamente c’è, ed è di bronzo. Risalente agli anni Trenta del Novecento, l’opera di Adolfo Wildt un tempo fungeva da citofono. Sebbene ora non funzioni più, non potete perdervela. (Creando hasthag ad hoc).

Quadrilatero del Silenzio a Milano
Credit immagine

Qualche passo più avanti, in via Luigi Melegari, la forma curiosa di Palazzo Fidia vi trasporterà in un quadro futuristico. Milano è anche questa; ve lo sareste aspettato?

Quadrilatero del Silenzio: Palazzo Fidia
Credit immagine

È lo stile eclettico del Liberty quello racchiuso in queste poche vie, che trova la sua massima espressione in Villa Necchi Campiglio. Splendido esempio di stile déco e dimora di una delle famiglie più importanti di Milano, Villa Necchi risale agli anni Trenta del novecento. Il suo parco e la sua piscina – la prima privata costruita in città – conservano ancora l’atmosfera di quegli anni. Entrate, e vi ritroverete in una scena de Il grande Gatsby.

Quadrilatero del Silenzio
Credit immagine

In questa passeggiata ricca di bellezza dovrete ricordarvi di essere a Milano, perché siamo sicuri ve lo sarete dimenticato. E quando avrete dei giorni no, o dei momenti sbatti, pensate a questo angolo di pace e fateci un salto. La vostra giornata migliorerà. Scommettiamo?

Credit immagine di copertina

Valeria Di Terlizzi
Valeria Di Terlizzi

Nasco come Vale, poi divento LaVale. Rido troppo per essere radical, parlo troppo per essere snob. Imbruttita senza saperlo.

POTREBBERO PIACERTI ANCHE