Sciuragram, l'account Instagram che fotografa e celebra uno dei simboli di Milano: le sciure! - Il Milanese Imbruttito

Sciuragram, l’account Instagram che fotografa e celebra uno dei simboli di Milano: le sciure!

«Sostantivo femminile regionale nell’uso lombardo: signora, come appellativo di riguardo», questa la definizione che trovate su qualsiasi vocabolario italiano del termine sciura. Definizione che solo in parte restituisce l’essenza di uno dei simboli milanesi più caratteristici e ben saldi nell’immaginario collettivo di chiunque viva o apprezzi Milano. La sciura è l’essenza della città: il suo atteggiamento inconsapevolmente snob, il benessere economico sommessamente ostentato anche quando non c’è (perché la sciura lo sa che conta l’immagine più della sostanza), e le pellicce, pellicce ovunque. Perché se c’è un oggetto che restituisce efficacemente l’immagine della sciura è proprio la pelliccia, accompagnata da un filo di perle graziosamente appoggiato su un dolcevita in cachemire morbido. La morte sua.

Se alla sola descrizione vi è corso un brivido lungo il coppino, e vi siete improvvisamente riscoperti amanti del genere, abbiamo l’account Instagram che fa per voi: Sciuragram.

Con il tempo il termine sciura è andato via via accogliendo nel proprio perimetro figure molto diverse tra loro: l’etichetta oggi è usata per definire personaggi che 60 anni fa nessuno si sarebbe mai immaginato di appellare così. Perché se è assodato che trovare una milanese a Milano è più difficile di cavar fuori un ago da un pagliaio, è anche vero che con il tempo le categorie sono diventante meno rigide. E allora vale (più o meno) tutto.

E lo sa bene Sciuragram, che raccoglie le immagini delle nuove, variegate, eterogenee sciure milanesi, nell’accezione più ampia del termine.

Perché la sciura, in fondo, è una categoria dell’anima.

Basta un copy divertente e il gioco è fatto.

Da oggi girerete per la città con uno sguardo molto diverso: quando le beccate, ricordatevi di taggare Sciuragram nelle vostre caption. Loro sono ovunque, pronte a giudicarvi.

Credit immagine di copertina

Daniele Biaggi
Daniele Biaggi

Innamorato di Milano, quindi imbruttito per vocazione. Sogno un futuro bohèmien ma vivo una tormentata adolescenza tardiva. Perciò scrivo.

POTREBBERO PIACERTI ANCHE