Le 5 tipologie di persone che ci irritano di più al rientro dalle ferie natalizie - Il Milanese Imbruttito

Le 5 tipologie di persone che ci irritano di più al rientro dalle ferie natalizie

loading...

Tornati, eh? Il 2016 ce lo saremo pure tolto dai co****ni, ma al rientro a lavoro il morale è più basso dei cantieri della M4. Sbatti, sbatti e ancora sbatti. Lontanissimo il ricordo delle cenette fuori e delle sciate, delle baite e delle ore piccole senza pensieri. Quando in fondo bastava mandare due mail al giorno dall’iPhone per sentire che il proprio lavoro, anche in vacanza, era stato fatto. Ora si riprende: coffe al volo, di corsa per i primi meeting e ansia (come sempre) a mille.

Tutto come prima insomma, se non che l’Imbruttito sviluppa al rientro al lavoro un istinto primordialmente repellente per alcune figure che gli ronzano intorno, e che lo devono assolutamente troppo mollare nei primi giorni post vacanze, che se no gli fanno tremare e non poco la mano. Sì, al rientro uno si può pure aspettare che il capo rompa le palle, ma ben altri personaggi irritano ancora di più.

5_Il collega che si lamenta troppo

Credit immagine

Tendenzialmente chi ha appena fatto un viaggio torna con tanta, troppa voglia di raccontare quanto stava bene fino a pochi giorni fa, di quanto sole c’era, di quanto caldo faceva e di quanto bene abbia mangiato. Focus speciale per il Giargiana DOC, che – anche se è tornato giù al paesello per circa solo 72h – è rinato, e ora aMilano gli ha già preso la depressione, che può combattere solo con i cesti di robbabuona portata dalla mamma. Dai, che mica siete stati via sei mesi o siete tornati in prigione. Se non vi va bene, andalè!

4_Il presobene


Credit immagine

Dall’altra parte poi c’è lui, quello che è troppo carico al rientro. Quello che già al primo giorno dopo le ferie, che manco hai preso il caffè, ti ha già organizzato un meeting, una call e un nuovoprogettochesiamoinritardo… MI DEVI MOLLARE.

3_Il cliente carico a molla

Anno nuovo, sbatti vecchi. Sono loro, i clienti che durante le feste hanno mangiato panettone e lamentele, per tenerle in pancia fino proprio al giorno del tuo rientro. E così, alla prima chiamata – dopo il cortese quanto insignificante “come hai passato le vacanze?” – partono a bomba con 320 richieste, come se il mondo fosse da salvare proprio oggi. Mastaicalmo!

2_L’istruttore-moralizzatore


Credit immagine

Ti vedi grasso/a dopo le feste? Vai in palestra e ci pensa il tuo personal trainer a tirarti su di morale! È lui a ricordarti ogni due addominali di “buttare giù quella pancia! Ci hai dato dentro con i dolci nelle feste vero? Falla sparire quella cellulite! Mandalo giù quel panettone!”. Un altro po’ di senso di colpa no? Già ti senti una botte, e affronti la dieta con lo stesso entusiasmo che ha nella giornata lavorativa un impiegato delle poste della provincia di Foggia. E allora, caro istruttore di Spinning o Zumba che sia, dimmi che esercizi fare e stai molto calmo con le parole!

1_Il “compagno” di mezzi pubblici


Credit immagine

Solo pochi giorni fa giravi in seggiovia, oppure eri al mare caraibico su un lettino. O ancora prendevi tram o metro semivuote e pensavi “phega, e se fosse sempre così sai che spettacolo?”. Eh no, lo spettacolo è finito. E lui sì, lui è tornato. Gli elementi per riconoscerlo ci sono tutti: non sa aspettare che la gente scenda, deve spingere per entrare prima di tutti, puzza di sudore anche se ha il cappotto, è carico di tosse di stagione che fa tremare i vagoni, senza dimenticare una spruzzata di forfora quanto basta. È il “compagno” di mezzi pubblici: è rientrato, e  ora non c’è scampo. Il fastidio.

Credit immagine di copertina

Samuele Tramontano
Samuele Tramontano

Imbruttito con un passato semioscuro da giargiana che ogni tanto, inevitabilmente, viene fuori. Ho veramente molte passioni ma ora non ho tempo per scriverle che devo fare una call, CIA' CIA' CIA'

POTREBBERO PIACERTI ANCHE